Sull'esegesi ellenistica della geografia omerica