Agostino di Duccio, la sua committenza perugina e l’altare de Bellis in San Domenico