Recensione a G. Guglielmi, La scienza del possibile