Nulla dies sine linea. Una lezione sul disegno conoscitivo