'Buone' regole e sviluppo economico: un rapporto così univoco?