L’epicondilite rimane ancora il vero avversario del tennista?