Interpretazioni della "Confessioni" nel dopoguerra