Il contratto originario in Kant tra libertà e dovere morale