Roma: un mito malato?