Per una comunicazione responsabile: la funzione del linguaggio tra arbitrarietà e ambiguità