Uno spazio pubblico illimitato: tra (vecchie) logiche di controllo e opportunità di emancipazione