Ripensare l’educazione nell’era della rapida obsolescenza