Lanfranco Caretti fra Parini, Alfieri e la nuova filologia