«Diplomazia vitale». De Martino, Gramsci e le politiche della presenza