La “dittatura” (e l’ossessione) della concretezza