“Morbo di Hansen”: non solo un ricordo del passato