Tra hasard e necessità: l’ontologia weiliana come ricerca di intermediari