Repetita iuvant? La Corte costituzionale ribadisce l’irrilevanza della «lieve entità del fatto» a scardinare l’assetto delle preclusioni penitenziarie