Il processo “guastato” dalla corruzione del contraddittorio