Michel Henry: un’incarnazione senza corpo