Folla, città e Covid-19: governare (con) la paura in una democrazia