La riduzione dei parlamentari e le sue conseguenze: verso un nuovo «spirito repubblicano»?