Due alberi strani. A proposito di Pascoli e Penna