This article investigates and discusses the applications and the potentialities of drawing in the fields of psychology, psychoanalysis and psychotherapy and it aims to highlight the role of graphic sciences in the field of graphic representation, understanding and self-design. The dialogue between these two fields of knowledge is generally explored on the basis of the rediscovery of a historically consolidated tradition that has led today to the use of drawing in therapeutic and analytical methodologies, from which the opportunities of such synergy can be defined in terms of dialogic and interdisciplinary teaching and research. Traditionally, the relations between the fields of psychology and drawing have been investigated with reference to perception, interpretation of images and to the imaginative activity stimulated by them. However, these perceptive and interpretative aspects tend to overshadow the productive ones, linked to the production of images and visualisations and to their effect on cognitive processes. The aim of this article is to explore this under-researched area, discussing the potential application of graphic sciences in psychology with reference to the production of drawings, images and visualisations, not only as a tool for internal dialogue, but above all as a representational tool for the self-design.

Questo articolo indaga e discute le applicazioni e le potenzialità del disegno nell’ambito della psicologia, della psicoanalisi e della psicoterapia ed è finalizzato a evidenziare il ruolo delle scienze grafiche nella rappresentazione, nella comprensione e nella progettazione del sé. Il tema del dialogo tra questi due ambiti del sapere viene affrontato sulla base del recupero di una tradizione storicamente consolidata che ha portato oggi all’impiego del disegno nelle metodologie terapeutiche e analitiche, a partire dalle quali possono essere definite le prospettive di tale sinergia in un’ottica di didattica e di ricerca dialogica e interdisciplinare. Tradizionalmente le relazioni tra l’ambito della psicologia e quello del disegno vengono indagate in riferimento alla percezione, all’interpretazione delle immagini e all’attività immaginativa da esse attivata. Questi aspetti percettivi e interpretativi tendono così a mettere in ombra quelli produttivi, legati cioè alla produzione di immagini e visualizzazioni e al loro effetto sui processi cognitivi. Questo articolo intende invece esplorare questo ambito ancora poco indagato, discutendo le potenzialità di applicazione delle scienze grafiche nella psicologia proprio in riferimento alla produzione di disegni, immagini e visualizzazioni, non soltanto come strumento di dialogo interno, ma soprattutto come strumento di rappresentazione finalizzato alla progettazione del sé.

Psico-grafica. Dialoghi tra le scienze grafiche e le scienze psicologiche

Valeria Menchetelli
2022

Abstract

Questo articolo indaga e discute le applicazioni e le potenzialità del disegno nell’ambito della psicologia, della psicoanalisi e della psicoterapia ed è finalizzato a evidenziare il ruolo delle scienze grafiche nella rappresentazione, nella comprensione e nella progettazione del sé. Il tema del dialogo tra questi due ambiti del sapere viene affrontato sulla base del recupero di una tradizione storicamente consolidata che ha portato oggi all’impiego del disegno nelle metodologie terapeutiche e analitiche, a partire dalle quali possono essere definite le prospettive di tale sinergia in un’ottica di didattica e di ricerca dialogica e interdisciplinare. Tradizionalmente le relazioni tra l’ambito della psicologia e quello del disegno vengono indagate in riferimento alla percezione, all’interpretazione delle immagini e all’attività immaginativa da esse attivata. Questi aspetti percettivi e interpretativi tendono così a mettere in ombra quelli produttivi, legati cioè alla produzione di immagini e visualizzazioni e al loro effetto sui processi cognitivi. Questo articolo intende invece esplorare questo ambito ancora poco indagato, discutendo le potenzialità di applicazione delle scienze grafiche nella psicologia proprio in riferimento alla produzione di disegni, immagini e visualizzazioni, non soltanto come strumento di dialogo interno, ma soprattutto come strumento di rappresentazione finalizzato alla progettazione del sé.
9788835141938
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11391/1532313
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact