Il saggio prende in esame il racconto giovanile di Italo Svevo "L'assassinio di via Belpoggio". L'autore intende mostrare come già all'altezza del 1890 Svevo si fosse distaccato dai dettati del naturalismo, e avesse iniziato quel percorso letterario che troverà poi i suoi risultati migliori negli anni venti del Novecento

Il gesto e il silenzio ne “L’assassinio di via Belpoggio” di Italo Svevo

TORTORA, Massimiliano
2003-01-01

Abstract

Il saggio prende in esame il racconto giovanile di Italo Svevo "L'assassinio di via Belpoggio". L'autore intende mostrare come già all'altezza del 1890 Svevo si fosse distaccato dai dettati del naturalismo, e avesse iniziato quel percorso letterario che troverà poi i suoi risultati migliori negli anni venti del Novecento
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11391/165388
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact