A proposito di due lettere inedite della Contessa d’Albany a Sismondi