Morfea superficiale: entità clinica autonoma?