La recente evoluzione della pratica professionale, Legata all'inevitabile e imprescindibile processo di armonizzazione internazionale, ha spinto la Commissione Nazionale per la Statuizione di Principi di Revisione Ad aggiornare e riformulare i criteri generali da utilizzare nell'ambito del controllo del bilancio di esercizio e del consolidato. Tale processo, pienamente condiviso anche da Consob in qualità di organismo di vigilanza delle società quotate e dell'operatore delle società di revisione, ha preso avvio sul finire del 2002 con la delibera numero 13809 del 30 ottobre 2002 con cui veniva raccomandato alle società iscritte nell'elenco speciale, di cui all'art. 161 del Decreto Legislativo 24 febbraio 1998, numero 58, l'utilizzo dei nuovi principi di revisione redatti dal Consiglio Nazionale dei Dottori Commerialisti e dal Onsiglio Nazinale dei Ragionieri e dei Periti Commerciali nello svolgimento della propria attività di controllo contabile a partire dai bilanci di esercizio al 31 dicembre 2002. Occorre anche ricordare che recentemente, a conclusione di questo processo di rivisitazione, con delibera 14768 del 4 novembre 2004 la Consob ha raccomandato l'utilizzo del Principio di revisione numero 1006 per le revisioni dei bilancio di esercizio e consolidati delle banche a partire dal 31 dicembre 2004 abrogando, di fatto, il precedente principio di revisione utilizzato in precedenza per le banche. Gli effetti del processo di armonizzazione prodotti nella riformulazione dei principi di revisione ha comportato un loro allineamento agli Intarnational Standard on Auditing (ISA), focalizzando l'approccio del lavoro di revisione maggiormente orientato al rischio, e abbandonando il precedente approccio patrimoniale che si era soliti utilizzare in precedenza.

Evoluzione storica dei Principi di revisione: un cammino verso l'armonizzazione

NASINI, Andrea;
2005

Abstract

La recente evoluzione della pratica professionale, Legata all'inevitabile e imprescindibile processo di armonizzazione internazionale, ha spinto la Commissione Nazionale per la Statuizione di Principi di Revisione Ad aggiornare e riformulare i criteri generali da utilizzare nell'ambito del controllo del bilancio di esercizio e del consolidato. Tale processo, pienamente condiviso anche da Consob in qualità di organismo di vigilanza delle società quotate e dell'operatore delle società di revisione, ha preso avvio sul finire del 2002 con la delibera numero 13809 del 30 ottobre 2002 con cui veniva raccomandato alle società iscritte nell'elenco speciale, di cui all'art. 161 del Decreto Legislativo 24 febbraio 1998, numero 58, l'utilizzo dei nuovi principi di revisione redatti dal Consiglio Nazionale dei Dottori Commerialisti e dal Onsiglio Nazinale dei Ragionieri e dei Periti Commerciali nello svolgimento della propria attività di controllo contabile a partire dai bilanci di esercizio al 31 dicembre 2002. Occorre anche ricordare che recentemente, a conclusione di questo processo di rivisitazione, con delibera 14768 del 4 novembre 2004 la Consob ha raccomandato l'utilizzo del Principio di revisione numero 1006 per le revisioni dei bilancio di esercizio e consolidati delle banche a partire dal 31 dicembre 2004 abrogando, di fatto, il precedente principio di revisione utilizzato in precedenza per le banche. Gli effetti del processo di armonizzazione prodotti nella riformulazione dei principi di revisione ha comportato un loro allineamento agli Intarnational Standard on Auditing (ISA), focalizzando l'approccio del lavoro di revisione maggiormente orientato al rischio, e abbandonando il precedente approccio patrimoniale che si era soliti utilizzare in precedenza.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11391/25269
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact