Il bambino cefalalgico: mente e soma