Lettere di Caterina Cibo e di altre nobildonne tra politica e affetti