Danno d’organo e “grande imitatrice”: a proposito di due casi