Oggetto dello studio sono i grandi licenziamenti nell’Acciaieria ternana nel 1952-1953 in rapporto alla ristrutturazione della siderurgia italiana negli anni di costituzione della Ceca. I 2700 licenziati alle Acciaierie di Terni si configurano in tale quadro come un tassello che riguarda la vicenda generale della riconversione produttiva avviata già nella fase della ricostruzione e in un primo momento di destrutturazione del gruppo polisettoriale voluto da Arturo Bocciardo, amministratore della Terni – Società per l’industria e l’elettricità.

I licenziati di Terni (1952 - 1953)

COVINO, Renato
2005

Abstract

Oggetto dello studio sono i grandi licenziamenti nell’Acciaieria ternana nel 1952-1953 in rapporto alla ristrutturazione della siderurgia italiana negli anni di costituzione della Ceca. I 2700 licenziati alle Acciaierie di Terni si configurano in tale quadro come un tassello che riguarda la vicenda generale della riconversione produttiva avviata già nella fase della ricostruzione e in un primo momento di destrutturazione del gruppo polisettoriale voluto da Arturo Bocciardo, amministratore della Terni – Società per l’industria e l’elettricità.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11391/31381
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact