Su una recente ‘riedizione’ di Anthimus