Gli intellettuali tra fascismo, guerra e Repubblica