Mozart nella prospettiva dello schermo ovvero il buco nel sipario