La nullità del “contratto quadro” di intermediazione finanziaria per vizio di forma