I limiti alla libera circolazione delle azioni nella riforma del diritto societario