La Corte EDU si pronuncia sull'autodichia parlamentare (caso Savino) attraverso una decisione che, pur non essendo incisiva come auspicato dalla dottrina (in quanto legittima i sistemi di autodichia), ha comunque indotto una modifica dei regolamenti parlamentari (con specifico riferimento alla composizione dell'Ufficio giurisdizionale), che merita di essere sottolineata.

A proposito della sentenza CEDU sull'autodichia: le decisioni più radicali sono lasciate all'ordinamento nazionale

PESOLE, Luciana
2010-01-01

Abstract

La Corte EDU si pronuncia sull'autodichia parlamentare (caso Savino) attraverso una decisione che, pur non essendo incisiva come auspicato dalla dottrina (in quanto legittima i sistemi di autodichia), ha comunque indotto una modifica dei regolamenti parlamentari (con specifico riferimento alla composizione dell'Ufficio giurisdizionale), che merita di essere sottolineata.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11391/43504
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact