Sull'invenzione della scrittura nell'orazione di Gorgia "In difesa di Palamede"