No al mercato omologato dominato dai blockbuster