Sifilide connatale e disturbi affettivi: un caso clinico alla luce della teoria generale dei sistemi