Sull'integrale debole alla Burkill-Cesari