Istituti di credito mobiliare e mercato unico: alcune osservazioni