Giuliano Crifò e il compito del romanista