La politica estera italiana tra continuità e discontinuità