G.A.Borgese: una lettera "americana" a Papini