Il materiale capsulare di Cryptococcus neoformans viene internalizzato in macrofagi e neutrofili dove è diversamente degradato