La riflessione di Hildebrand sulla visione, declinata nel campo delle arti figurative, si avvalse delle più recenti teorie fisiologiche (Helmholtz) e si avvicinò alla nascente semiotica nel delineare un'idea di spazio come prodotto dell'esperienza, in opposizione alla concezione aprioristica di Kant.

Spazio, forma e apparenza nell'opera di Adolf von Hildebrand

SCRIVANO, Fabrizio
1996

Abstract

La riflessione di Hildebrand sulla visione, declinata nel campo delle arti figurative, si avvalse delle più recenti teorie fisiologiche (Helmholtz) e si avvicinò alla nascente semiotica nel delineare un'idea di spazio come prodotto dell'esperienza, in opposizione alla concezione aprioristica di Kant.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11391/925540
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact