Ovid. Trist. 3,3: parlare di se stesso come se fosse un altro.